SANTA VENERANDA – Real Altofoglia 1-1

SANTA VENERANDA: Pittaluga, Angelelli, Marchionni (45′ Balducci), Barbarossa, Oliva (85′ Aloisi), Dionigi, Biancani, Angelini, Federici G. (74′ Nardini), Intili, Cancrè.
A disposizione: Bulzinetti, Costantini, Nardini, Aloisi, Vaierani, Federici M., Balducci, Romano.
Allenatore: Marchetti

REAL ALTOFOGLIA: Biagi, Rocco M., Fabbri (13′ Coccini), Pierucci, Bricca, Gabellini, Corsini, Allegretti (89′ Conti), Ricci, Brugnettini, Sarout (81′ Paternoster).
A disposizione: Soru, Coccini, Rocco A., Rocchi, Conti, Paternoster, Grassi, Tontini, Marchetti.
Allenatore: Melini

AMMONITI: Cancrè, Angelini, Pittaluga
RETI: 28′ Sarout (RA) 33′ Intili (SV)
ARBITRO: Gianmarco PASTORI (sezione di Jesi)

Dopo la trasferta vittoriosa sotto la pioggia di Montemaggiore, il Santa Veneranda ritorna all’Orange Stadium per giocare la decima giornata di campionato contro il Real Altofoglia.
Nel riscaldamento gli orange perdono Vaierani per un problema muscolare, lo sostituisce il giovanissimo e talentuoso Oliva, classe 2006.

Il primo tempo inizia molto equilibrato e con i padroni di casa un po’ troppo imprecisi in fase di impostazione offensiva. Il primo brivido arriva al 17′ con Intili che prova il tiro a giro sul secondo palo, ma non è preciso.
Dopo dieci minuti arriva il gol del vantaggio del Real Altofoglia. Il centrocampo ospite lancia in direzione di Corsini, pronto nei pressi dell’area avversaria, che è bravo controllare la palla e servire Sarout che arriva in velocità e tira in porta battendo Pittaluga.
Il Santa non si arrende. Marchionni dribla in area ospite e viene atterrato da Coccini, entrato al posto dell’infortunato Fabbri. Rigore per il Santa Veneranda che lo specialista Intili non sbaglia e firma il pareggio.
Nel finale di primo tempo Marchionni è costretto a uscire per un infortunio alla caviglia.

Nel secondo tempo il Santa Veneranda cresce e prova a vincere la partita. Il Real Altofoglia cala d’intensità, ma il feeling tra Sarout e Corsini rimane sempre forte e pericoloso.
Al 61′ Intili ruba palla a centrocampo, serve Angelelli che fugge con la palla verso l’area, la mette in mezzo, Federici tenta di toccarla con una scivolata ma il tentativo non va a buon fine per una questione di millimetri.
Nei minuti finali i due portieri sono i protagonisti. Prima è Biagi, il portiere del Real  che respinge in modo spettacolare una palla velenosa deviata da un compagno in direzione del sette. Poi è Pittaluga che accetta la sfida di uno contro uno e incanta l’attaccante rubandogli la palla dai piedi.

Dopo due minuti di recupero l’arbitro Pastori della sezione di Jesi decreta la fine della partita e ufficializza il definitivo pareggio.

Ti potrebbe interessare anche...